Ven. Mar 31st, 2023

Casa di Cura La Madonnina (MI)

22 Settembre 2022

Larterite di Horton è una forma di vasculite: infiammazione dei vasi sanguigni, più comune nei soggetti di età avanzata con un unincidenza calcolata nei paesi più colpiti del Nord Europa, di 17-18 casi ogni 100.000 over50

Il dottor Luigi Sinigaglia, specialista in Reumatologia della Casa di Cura La Madonnina, nonché Past President della Società Italiana di Reumatologia, ci illustra meglio quali sono le manifestazioni cliniche e le caratteristiche di questa patologia.

 Cos’è larterite di Horton

Larterite di Horton (AH), dal medico che nel 1937 la descrisse per la prima volta, definita anche arterite a cellule giganti o arterite temporale, è uninfiammazione che colpisce alcune grandi e medie arterie del corpo, in particolare e con maggior frequenza, alcune arterie che irrorano:

Linfiammazione forma degli agglomerati (granulomi) composti da vari elementi, come cellule del sistema immunitario e frammenti di tessuto connettivo, che vanno ad infiltrarsi prevalentemente nello strato intermedio del vaso sanguigno (tonaca media), ma che possono anche interessare tutti e 3 gli strati costituenti le pareti dellarteria (tonaca intima, tonaca media e tonaca avventizia).

I sintomi dell’arterite a cellule giganti

Le manifestazioni cliniche della malattia possono essere varie e diversificatespiega il dottorema con una sintomatologia sistemica riscontrata dalla maggior parte dei pazienti”. 

Fra i principali sintomi della patologia vanno indicati:

Allesame obiettivo, circa il 50% dei soggetti manifesta dolore al tocco dellarteria temporale che risulta ispessita e/o con noduli, tanto che spesso non è possibile individuare il polso arterioso.

I sintomi oculari

Larterite di Horton può presentarsi in alcuni casi anche con sintomi a livello oculare, fra cui:

Le cause della patologia

Linfiammazione determinata dallarterite di Hortonchiarisce il dottor Sinigagliaderiva dallattivazione del sistema immunitario innato e acquisito con cause scatenanti, però, che non risultano ancora note, come del resto nella maggior parte delle vasculiti. Si può parlare, ad ogni modo, di una predisposizione genetica”.

Chi colpisce 

Larterite temporale sembrerebbe interessare da 2 a 6 volte maggiormente il sesso femminile rispetto a quello maschile, con probabilità di sviluppare la patologia che crescono con lavanzare delletà, tanto che a 90 anni il rischio è 20 volte superiore rispetto ai 50/60 anni.

Le popolazioni del Nord-Europa e Stati Uniti sono quelle che registrano il maggior numero di casi, in aumento, secondo alcuni dati, ma ciò potrebbe essere riconducibile anche a una sempre maggior conoscenza della malattia che appare, invece, essere molto rara nei soggetti Asiatici e di colore.

La diagnosi di arterite a cellule giganti

Nei casi sospetti di arterite di Horton il medico prescrive degli esami del sangue (VES e Proteina C Reattiva) per individuare la presenza o meno di marker infiammatori.

Oltre a questi, il gold standard per la diagnosi è ad oggi costituito dalla biopsia dellarteria temporale: un campione di almeno 2 cm di lunghezza prelevato dalla sede anatomica in cui si riscontrano i maggiori disturbi. Si tratta, tuttavia, di una procedura invasiva che, come tale, può comportare anche dei rischi; inoltreun esito negativo non esclude del tutto la presenza della malattia.

Ecografia come futuro della diagnosi?

Lecografia delle arterie temporali potrebbe rappresentare unevoluzione della biopsia che, soprattutto nelle fasi acute e purché eseguita da personale esperto, parrebbe essere di particolare sensibilità. Non tutta la comunità scientifica, però, è concorde al riguardo.

A completare il quadro diagnostico può inserirsi anche la PET (tomografia a emissione di positroni) con fluorodesossiglucosioin grado di valutare la presenza o meno di arterite a livello delle diramazioni aortiche.

La cura per l’arterite di Horton

La terapia per larterite di Horton prevede essenzialmente la somministrazione di corticosteroidi inizialmente a dosi elevate (0,5/1 mg per kg del soggetto), andando a diminuirle contestualmente alla riduzione dellinfiammazione.

Nel giro di alcuni mesi, nella maggioranza dei pazienti si riscontra una buona risposta al trattamento che può determinare la sua sospensione definitiva o un mantenimento a tempo indeterminato, ma a basso dosaggio.

Nei casi in cui, tuttavia, non si verifichino dei miglioramenti o si riscontrino recidive, altre terapie vedono la somministrazione di sostanze in grado di inibire il recettore di Interluchina 6; responsabile dellinfiammazione, e in grado, quindi, di consentire una remissione della malattia nonché di limitare lutilizzo dei corticosteroidi e degli effetti legati al loro utilizzo cronico.

L’importanza della tempestività

Larterite di Hortonconclude il dottor Sinigaglia – è una patologia che al giorno oggi può essere gestita efficacemente se in possesso di una diagnosi precoce, indispensabile per poter prevenire, tramite la somministrazione dei farmaci, danni maggiori come la cecità. Per questo motivo è di fondamentale importanza sensibilizzare gli utenti a recarsi quanto prima dal medico nel caso di riscontro di una sintomatologia riconducibile a quella indicata”.

Visualizza Fonte

Leggi anche….

Care Shop: La guida per gli acquisti di articoli sanitari

Patologie, Sintomatologia, Esami Diagnostici….