Mer. Mar 29th, 2023

RickettsiosiFebbre bottonosa del Mediterraneo

Le rickettsiosi sono un gruppo di malattie infettive ampiamente distribuite in tutto il mondo, causate da una varietà di batteri intracellulari obbligati del genere Rickettsia.

Le specie batteriche e le malattie cliniche umane associate variano a seconda delle località geografiche.

La maggior parte delle Rickettsiosi sono trasmesse principalmente dalle zecche, ma anche da pulci, pidocchi e acari.
Possono essere classificate in due gruppi principali:

  1. quello delle febbri esantematiche (spotted fever group) trasmesse da zecche o acari
  2. quello del tifo, trasmesso principalmente da pidocchi o pulci.

Negli ultimi anni sono state identificate molte nuove specie di Rickettsiae patogene.

Delle rickettiosi trasmesse da zecca fanno parte infezioni quali:

La rickettiosi tradizionalmente più diffusa in Europa è la Febbre bottonosa del Mediterraneo, una malattia infettiva causata da R. conoriie trasmessa alluomo soprattutto da zecche della famiglia delle Ixodidae (zecche dure o brune) in particolare Rhipicephalus sanguineusche prediligono, quali ospiti, i cani ma possono infestare anche altri animali domestici e selvatici (conigli, lepri, ovini, caprini e bovini).

Come si trasmette

Le zecche acquisiscono le rickettie pungendo animali domestici o selvatici infetti e restano a loro volta infette per tutto il ciclo vitale e capaci di trasmettere i patogeni anche alla generazione di zecche successiva (trasmissione da zecca adulta a uovo).

La trasmissione di R. conorii conorii alluomo avviene occasionalmente attraverso il morso di zecche infette, che raggiungono lhabitat umano attraverso le popolazioni di animali infetti, soprattutto il cane.

La trasmissione dellinfezione non avviene direttamente da persona a persona.

Sintomi e segni

La malattia inizia dopo un periodo di incubazione di circa 5-7 giorni, anche se in alcuni casi questo periodo può superare le 2 settimane. Nella forma tipica lesordio si ha con febbre elevata  e sintomi simil-influenzali come cefalea, astenia, artro-mialgie, congiuntivite.

Spesso nel sito del morso di zecca, è rilevabile una piccola lesione cutanea ricoperta da escara, la così dettatache noireo macchia nera, che successivamente cade, lasciando il posto ad unulcera.

Verso il terzo o quarto giorno si osserva la comparsa di un esantema maculo-papuloso che inizia prima agli arti inferiori e poi tende a diffondersi in tutto il corpo, compresi  palmi delle mani e piante dei piedi.

In circa due settimane la malattia regredisce spontaneamente.

Sebbene la prognosi sia tendenzialmente sempre benigna, in alcuni casi  (dall’1% al20% dei pazienti, secondo diversi studi) con precedenti patologie come cardiopatie, malattie respiratorie, diabete mellito o immunodepressionee in età avanzata, possono aversi complicazioni a carico dellapparato cardiocircolatorio, del Sistema nervoso centrale, a carico di reni, pancreas o complicazioni multi-organo.

In un numero limitato di casi i può avere anche il decesso (meno del 3% dei casi).

Diagnosi

La Febbre bottonosa del Mediterraneo può essere diagnosticata in base al sospetto clinico, mediante test sierologico per la ricerca di anticorpi specifici (IgM ed IgGanti-Rickettsia conorii.

In alcuni casi selezionati si può ricorrere alla ricerca dellagente infettivo da campioni biologici quali sangue o cute.

Terapia

Il trattamento della Febbre bottonosa del Mediterraneo si basa sulla somministrazione di antibiotici mirati.

Prevenzione

La prevenzione della Febbre bottonosa del Mediterraneo si basa essenzialmente sulle azioni volte ad evitare lesposizione ai vettori, in particolare si consiglia di:

Importante anche la prevenzione mirata alle specie canine, mediante adeguati trattamenti antiparassitari e con tecniche di profilassi del contagio, come lisolamento e la disinfestazione ambientale, sia in ambiente urbano che rurale, soprattutto nei periodi di maggiore rischio.

Visualizza fonte

Ospedale Sacro Cuore di Verona

LOspedale classificato ed equiparato Sacro CuoreDon Calabria, situato in Via don A. Sempreboni 5 a Negrar in provincia di Verona, è presidio ospedaliero accreditato con la Regione Veneto. Lospedale è articolato in unArea Medica, in unArea Chirurgica, in unArea Riabilitativa e in unArea Materno- infantile. Larea medica dellIRCCS Sacro Cuore Don Calabria ha […]

Ospedale Niguarda Milano

LASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda è situato a Milano in Piazza Ospedale Maggiore 3. La struttura, tra i più attivi Centri Trapianti in Italia, è articolata in 70 strutture di ricovero con oltre 200 ambulatori ed è un Ospedale di riferimento per i pazienti di tutte le età e di ogni regione di Italia. È […]

Villa Montallegro, Genova (GE)

Casa di Cura e Centro Polispecialistico Ambulatoriale Villa Montallegro è una struttura pensata per il benessere della persona, con lobiettivo di garantire alti standard qualitativi sanitari e il comfort di unospitalità a cinque stelle. Si sviluppa su una superficie interna di quasi 10mila mq, circondata da oltre un ettaro di parco secolare; i tre edifici principali (Villa Montallegro, Villa […]

Altamedica Artemisia, Roma (RM)

Poliambulatorio Medico Allergologia, Immunologia Clinica e Reumatologia Ambulatorio di Chirurgia Generale ed Urologica Ambulatorio di Chirurgia Plastica Andrologia Anestesiologia AngiologiaChirurgia Vascolare Audiologia CardiologiaCentro Cuore Altamedica Cardiologia dello SportConsulenza di II livello Check-Up UomoDonna Clinica Medica Generale Consulenza Genetica Dermatologia e Venerologia Consulenza nutrizionale Educazione AlimentareI […]

AOU L. Vanvitelli di Napoli (NA)

LAzienda Ospedaliera Università Luigi Vanvitelli, situata a Napoli in Via Costantinopoli 104, dispone di 750 posti letto di degenza e articola la propria attività complessiva allinterno dei seguenti Dipartimenti: Dipartimento di Biochimica e Biofisica F. Cedrangolo; Dipartimento di Cultura del Progetto; Dipartimento di Diritto ed Economia; Dipartimento di Discipline Giuridiche ed Economiche Italiane Europee e […]

Biblioteca….

Balanite

Balanite Che cos’è la balanite e quali sono le cause Con il termine balanite si indica una infiammazione o infezione del glande. Alcune volte il processo si estende anche al prepuzio dando un classico quadro di balanopostite. La maggior parte delle volte le cause della balanite sono di natura infettiva, il più delle volte di natura micotica e talvolta […]

Epatite A

Epatite A Lepatite A è uninfezione epatica contagiosa causata dal virus dellepatite A, il virus HAV, uno dei virus che causano infiammazione e che possono compromettere le funzioni del fegato. La patologia si contrae per via orale, attraverso lingestione di acqua o cibo contaminati dal virus, o dal contatto con altre persone infette. Che cos’è lepatite […]

Prurito vaginale

Spesso il prurito vaginale scompare da sé in poco tempo. A volte possono essere utili creme o lozioni a base di steroidi che riducono linfiammazione. Non è però da escludere che sia necessario un trattamento specifico. Vaginosi e malattie sessualmente trasmesse possono richiedere luso di antibiotici o antiparassitarimentre infezioni da lieviti vengono trattate con antimicotici sotto forma di creme, unguenti, ovuli ad uso vaginale o […]

Sintomi e cura del batterio Escherichia coli

Sintomi e cura del batterio Escherichia coli IRCCS Ospedale San Raffaele (MI) 22 Novembre 2022 LEscherichia coli (E. coli) è una specie del batterio del genere Escherichia, che fa parte del microbiota intestinale delluomo e di altri animali a sangue caldo. La maggior parte dei ceppi di Escherichia coli sono innocui, dal momento che questo microrganismo vive da […]

Legionellosi

Legionellosi La Legionellosi, detta anche Malattia dei legionari, è uninfezione polmonare causata dal batterio Legionella pneumophila. È stata identificata per la prima volta nel 1976, a seguito di una grave epidemia (221 persone contrassero questa forma di polmonite precedentemente non conosciuta e 34 morirono) avvenuta in un gruppo di ex combattenti dellAmerican Legion (da qui il nome […]

Care Shop: La guida per gli acquisti di articoli sanitari