Gio. Mar 30th, 2023

Ospedale Galeazzi-SantAmbrogio: un modello innovativo di sostenibilità

7 Luglio 2022

Il nuovo Ospedale GaleazziSantAmbrogio è tra gli ospedali più sostenibili dEuropa. La nuova struttura di Gruppo San Donato, situata in MIND (Milano Innovation District), oltre a essere centro di eccellenza nellarea ortopedica, cardiovascolare, bariatrica e neurochirurgica, ha anche tutte le carte in regola per ottenere il livello GOLD V4 della certificazione LEED, lo standard americano più riconosciuto a livello internazionale che certifica le costruzioni più sostenibili

Ma che significato ha il concetto disostenibilità ambientaleapplicato a una struttura ospedaliera? E quali sono gli aspetti che rendono il nuovo Galeazzi così sostenibile? Scopriamolo insieme.

Ospedali e sostenibilità ambientale: un binomio possibile

La costruzione di un ospedale è di per sé un grande valore per il territorio e per il suo bacino di utenza, ma costruirlo nel rispetto dei più alti standard della sostenibilità ambientale non è banale, visto che un ospedale è un building estremamente energivoro

Gli ospedali consumano ingenti quantitativi di energia elettrica e gas per climatizzare gli ambienti, le camere di degenza, le terapie intensive e le sale operatorie con requisiti di temperatura, umidità e soprattutto con ricambi daria che sono molto più elevati rispetto a quelli che si hanno in altri edifici residenziali o del terziario. I consumi di energia elettrica inoltre interessano le macchine per la diagnostica.  

Sicuramente un aspetto molto importante è quindi quello di progettare e gestire sistemi di edificio-impianto molto efficienti, che possano garantire le massime prestazioni e il miglior comfort, consumando meno energia

Un obiettivo che Gruppo San Donato si è posto sin dalla fase embrionale di questo grande progetto, già dal concept e dalle fasi preliminari. Fin dallinizio lazienda ha voluto compiere un percorso di progettazione e costruzione del nuovo ospedale nel rispetto dei requisiti LEED, puntando addirittura allottenimento dal livello GOLD della certificazione, un riconoscimento molto importante che certifica le elevate prestazioni delledificio in termini di impronta ecologica ed efficienza energetica.

Daltronde la Sostenibilità è uno dei 3 valori fondamentali di Gruppo San Donato, assieme allInnovazione e allUmanità: è nel rispetto di essi che il gruppo leader nella sanità privata sviluppa il proprio business, mettendo al centro il paziente e i suoi bisogni

Il Nuovo Ospedale Galeazzi è, in questo senso, il frutto della vision di Gruppo San Donato e unopportunità per pazienti e territorio

Perché il Nuovo Galeazzi è sostenibile

Il Nuovo Ospedale Galeazzi è sostenibile perché risponde a diversi criteri di sostenibilità (oltre a quelli necessari per ottenere la certificazione LEED), primo fra tutti la scelta della location. Il Nuovo Galeazzi si qualifica come il precursore degli obiettivi di sviluppo dellarea Expo 2015, inserendo nellarea unattività qualificata e qualificante, con un positivo indotto sia in termini economici che di servizi

È inoltre ben collegato con i servizi pubblici (metropolitana di Rho, autobus) ed è raggiungibile anche attraverso piste ciclabili. Infatti, ai fini della mobilità sostenibile, il Gruppo San Donato elaborerà nei prossimi mesi, come già fatto per le altre sedi del gruppo, il Piano Spostamenti Casa-Lavoro (PSCL) con il supporto di un team di mobility manager. Il fine di tale documento è di incentivare e facilitare lutilizzo di mezzi alternativi allauto per gli spostamenti casa-lavoro dei dipendenti, quali ad esempio la bicicletta, il trasporto pubblico e i servizi di sharing

Inoltre, la struttura risponde anche a un criterio più esteso di sostenibilità: è stata, infatti, progettata mettendo al centro il paziente, nel rispetto del valore dellumanità. Si tratta di un edificio sviluppato in altezza per 94 metri e sarà uno degli ospedali più alti dEuropa: questa sua caratteristica consente spostamenti rapidissimi ed efficienti tra pronto soccorso, reparti, sale operatorie a tutto vantaggio del paziente

Il rispetto dei requisiti LEED

Come detto in precedenza, il Nuovo Ospedale Galeazzi sarà certificato LEED. Tale schema di certificazione presta molta attenzione a

Consumi energetici ed efficienza degli impianti

In termini di contenimento di consumi energetici, il Nuovo Ospedale GaleazziSantAmbrogio vanta sistemi di building automation (BMS) e di monitoraggio energetico che, oltre a consentire una conduzione degli impianti al top delle performance per eliminare gli sprechi e ridurre i costi, consentono allospedale e agli utenti (pazienti e non) di godere delle migliori condizioni di comfort

Riguardo agli impianti sono previste le migliori tecnologie tutte a vantaggio del paziente, del suo comfort e della continuità delle prestazioni di cura e chirurgia anche nelle emergenze. È stata realizzata infatti una doppia linea di alimentazione elettrica afferente a 2 diverse cabine di trasformazione, in modo da avere sempre una linea di fornitura in caso di guasto sullaltra. Stesso accorgimento è stato voluto per la fornitura di acqua potabile, con due allacci su 2 rami diversi dellacquedotto pubblico.

Inoltre, è stato realizzato lallacciamento al teleriscaldamento gestito da A2A con un investimento tutto a carico di Gruppo San Donato, realizzando unestensione importante di diversi chilometri dellattuale rete di teleriscaldamento. È evidente che questo intervento rappresenti un esempio di scelta di sostenibilità in coerenza con le politiche ESG del Gruppo (criteri ambientali, sociali e di governance): 

Sempre perseguendo gli obiettivi di prestazione ed efficienza, il nuovo Ospedale GaleazziSantAmbrogio dispone di

Lenergia elettrica acquistata dalla rete sarà certificata da Garanzie dOrigine per attestarne la provenienza da fonte rinnovabile.

Lefficienza energetica degli impianti superiore alla media di mercato è stata riconosciuta anche dal GSE (il garante promotore dello sviluppo sostenibile del Paese) approvando tutti i progetti presentati sul Nuovo Galeazzi volti a richiedere i certificati bianchi.

La scelta dei materiali

La scelta di tutti i materiali per la costruzione è stata effettuata tramite unattenta selezione dei fornitori, in modo da rispondere alle prescrizioni del Protocollo LEED per quanto riguarda la sostenibilità del ciclo produttivo, il contenuto di riciclato, lassenza di potenziali emissioni di sostanze nocive per la salute degli utenti.

Le certificazioni EPD (Environmental Product Declaration) ed i test di laboratorio a corredo dei materiali approvvigionati, tutti certificati da enti di terza parte, hanno consentito di ottenere il massimo del punteggio previsto dal Protocollo per le sezioni:

Environmental Product Declarations

Opzione 2: EPDEnvironmental Product Declaration

Sourcing of Raw Materials

Opzione 2: Leadership nelle pratiche di estrazione

La gestione del cantiere

La gestione del cantiere dal punto di vista ambientale è stata condotta applicando le pratiche richieste dai prerequisiti obbligatori prescritti dal Protocollo LEED in merito al controllo dellerosione e della sedimentazione ed alla gestione della tracciabilità dei rifiuti dal punto di visto della quantità prodotta e della percentuale destinata al riciclo, con tracciabilità settimanale dei controlli effettuati in sito.

Sono inoltre stati messi in atto, per tutta la durata del cantiere, campionamenti e controlli periodici della qualità dellaria da parte di laboratori autorizzati.

L’innovazione come leva per la Sostenibilità

Lidea di Sostenibilità applicata al Nuovo Ospedale GaleazziSantAmbrogio è strettamente legata allinnovazione tecnologica. La priorità di funzionamento degli impianti, infatti, verrà gestita e ottimizzata tramite un apposito sistema di monitoraggio e controllo evoluto che permetterà di ottenere, attraverso la corretta combinazione del funzionamento degli stessi, il massimo risparmio economico e il minore impatto ambientale

sempre fare attenzione grazie allutilizzo di lenti da sole”. 

Visualizza fonte

Biblioteca….