Gio. Mar 30th, 2023

Spondilite anchilosante

Malattia infiammatoria a carico delle articolazioni della colonna vertebrale, rendendola meno mobile e flessibile con conseguente limitazione dei movimenti. Nei casi più gravi la colonna vertebrale si fonde a formare una struttura unica; in alcuni casi linfiammazione può colpire anche altre articolazioni. A differenza di quanto avviene in altre malattie reumatiche colpisce più frequentemente gli uomini. Segni e sintomi si manifestano in genere tra i 20 e i 40 anni.

Che cos’è la spondilite anchilosante?

La spondilite anchilosante è una malattia infiammatoria che colpisce le articolazioni della colonna vertebrale, rendendola meno mobile e flessibile con conseguente limitazione dei movimenti. Nei casi più gravi la colonna vertebrale si fonde a formare una struttura unica, con conseguente impossibilità per il paziente a svolgere alcune attività della vita quotidiana come sollevare la testa per vedere il cielo.
In alcuni casi linfiammazione può colpire non solo la colonna vertebrale ma anche altre articolazioni (per es. anche, spalle, ginocchia, caviglie) e apparati (per es. occhi e intestino). Inoltre, la psoriasi e le malattie infiammatorie intestinali possono talvolta associarsi alla spondilite anchilosante.

La spondilite anchilosante ha una prevalenza stimata attorno allo 0.2-1.2%, e colpisce gli uomini tre volte più frequentemente delle donne, a differenza di quanto si osserva in altre malattie reumatiche.

In genere i segni e i sintomi si manifestano in età giovaniletra i 20-40 anni detà, soprattutto in pazienti di razza caucasica.

Quali sono le cause della spondilite anchilosante?

Non si conosce ancora la causa della spondilite anchilosante, ma si sa che sono coinvolti determinati geni tra cui il più importante si chiamaHLA-B27”.

Sembra infatti che questo gene sia coinvolto nellattivazione del sistema immunitario contro le articolazioni, riconoscendole erroneamente come materiale estraneo e scatenando linfiammazione che caratterizza la spondilite anchilosante.
Altri fattori non genetici che aumentano il rischio di sviluppare la spondilite anchilosante sono:

Quali sono i sintomi della spondilite anchilosante?

Uno dei sintomi più precoci della spondilite anchilosante è il mal di schiena a livello lombare (lombalgia) definito di tipoinfiammatorio, ossia caratterizzato dai seguenti elementi: ha un esordio insidioso e di lunga durata, di solito in un paziente giovane, peggiora con il riposo notturno, causa una notevole rigidità al mattino e migliora con il movimento.
Questo dolore deve essere distinto dal comune mal di schiena, definitomeccanico”, che di solito colpisce allimprovviso soggetti anche in età avanzata, spesso dopo uno sforzo, migliora con il riposo ed è più spesso associato ad artrosi della colonna.

La lombalgia infiammatoria può comparire molto lentamente o presentarsi con intermittenza, ma se sottovalutata può portare a una progressione irreversibile del danno a livello delle vertebre.
Oltre alla colonna vertebrale, possono essere coinvolte le articolazioni sacroiliache (tra osso sacro e bacinoe le inserzioni di tendini e legamenti sulle ossa (detteentesi”) soprattutto a livello di calcagno e cartilagini costali.

Le complicanze della spondilite anchilosante sono diverse sia per la sede in cui compaiono sia per la loro gravità.
Tra queste ricordiamo:

Diagnosi 

È molto importante la diagnosi precoce, per cui è necessario effettuare una visita medica in caso di dolore cronico e/o rigidità a livello della colonna vertebrale o di articolazioni degli arti superiori o inferiori.

La diagnosi è il risultato di una combinazione di vari elementi, tra cui:

Trattamenti 

Non esiste una cura definitiva per la spondilite anchilosante, ma alcuni farmaci sono oggi in grado di ridurre linfiammazione e il dolore e di alleviare i sintomi.

In particolare si possono utilizzare:

Visualizza fonte

IRCCS Policlinico Milano

La Fondazione IRCCS CaGranda Ospedale Maggiore Policlinico, meglio nota come Policlinico di Milano, è un ospedale generale che può contare su importanti eccellenze in diversi ambiti di cura con una forte interdisciplinarietà. Si tratta di un istituto di ricovero e cura a carattere scientifico di natura pubblica che dispone di circa 800 posti letto. […]

Ospedale Fatebenefratelli di Napoli (NA)

La Casa di Cura Ospedale Madonna del Buon Consiglio Fatebenefratelli, situata a Napoli in Via Alessandro Manzoni 220, appartiene alla Provincia religiosa di San Pietro dellOrdine ospedaliero di San Giovanni di Dio. Si tratta di un ospedale generale di zona, classificato con D.P.G.R. Campania del 10/2/75 N. 969, che opera nellambito territoriale del distretto 44 […]

Ospedale di San Giovanni in Persiceto (BO)

LOspedale SS. Salvatore si trova in Via Enzo Palma 1 a San Giovanni in Persiceto in provincia di Bologna e fa parte dellAzienda Unità Sanitaria Locale di Bologna che aggrega anche i seguenti presidi: Ospedale di Budrio, Ospedale Bellaria di Bologna, Ospedale Maggiore di Bologna, Ospedale di Bentivoglio, Ospedale di Porretta Terme, Ospedale di Bazzano, […]

Ospedale di Sant’Omero (TE)

LOspedale Val Vibrata è situato in contrada Salara a SantOmero in provincia di Teramo ed è Presidio Ospedaliero della Asl di Teramo assieme ai P.O. di Giulianova, Teramo ed Atri. La struttura, dotata di circa 160 posti letto, eroga le proprie prestazioni allinterno delle seguenti Unità Operative: Cardiologia Riabilitazione cardiologica Patologia clinica Anatomia patologica Radiodiagnostica […]

Centro Medico UNISALUS, Milano (MI)

Il Centro Medico Milano Unisalus si propone nel panorama della sanità lombarda, e milanese in particolare. Come convinto interprete della necessità di una complessiva presa in carico del paziente. Presa in carico che permetta di comprenderne a fondo lo stile di vita, le abitudini alimentari, lo stato psicologico, le condizioni socio-economiche. Il modello di cura adottato è […]

Biblioteca….

Trombosi venosa profonda

Trombosi venosa profonda La trombosi venosa profonda è caratterizzata dalla formazione di un coagulo di sangue (o trombo) in una o più vene localizzate in profondità. In genere a essere coinvolti sono i vasi sanguigni presenti nelle gambe. Che cos’è la trombosi venosa profonda? La trombosi venosa profonda è una condizione seriai coaguli di sangue presenti […]

Dolore alla mandibola

Per contrastare efficacemente il dolore alla mandibola bisogna chiedere un consulto ad un otorinolaringoiatra oppure, in seconda istanza, a specialisti come il dentista, lo gnatologo o il chirurgo maxillo-facciale. Solo dopo una approfondimento diagnostico sarà possibile inquadrare la causa specifica per poter intervenire. Nei casi transitori, per alleviare il dolore, può essere utile lassunzione di farmaci antinfiammatori, lapplicazione di impacchi caldi o freddi. Nei casi […]

Sanguinamento intraoculare

Il rimedio per il sanguinamento oculare dipende dalla causa dellemorragia. Un danno alla retina o un suo distacco possono richiedere un intervento chirurgico o laser. Quando, invece, il problema è il diabete, lipertensione o un altro disturbo sistemico è necessario seguire le terapie specifiche per il controllo della patologia alla base del sanguinamento e monitorare lemorragia, procedendo eventualmente a una […]

Pericardite

Pericardite La pericardite è uninfiammazione che colpisce il pericardio, la membrana che riveste il cuore e lorigine dei grandi vasi. Il pericardio è costituito da due foglietti, separati da un sottile strato di liquido, il fluido pericardico. Linfiammazione dei foglietti pericardici può determinare o meno un incremento del liquido (versamento pericardico). Quando il versamento pericardico è abbondante e la […]

Scintigrafia Miocardica

Scintigrafia Miocardica Che cos’è la tomoscintigrafia miocardica? La tomoscintigrafia miocardica è un esame diagnostico non invasivo che consente di raccogliere informazioni sul funzionamento del cuore. Lesame prevede la sommi